Cerca nel sito

giovedì 30 marzo 2017

Carriera di Stefano Nesti, dal real estate all’online betting

Dopo le iniziali esperienze nel comparto del real estate, Stefano Nesti lascia l’Italia per approdare ad importanti incarichi dirigenziali sia in Austria sia in Inghilterra. Oggi è International Development Director per Logispin UK Limited

Incarichi professionali di Stefano Nesti

Stefano Nesti è un manager e professionista toscano, nato nel 1954 in Provincia di Pistoia, nella località di Montale. Dopo aver conseguito il diploma in ragioneria a Milano, inizia a occuparsi ben presto del mercato immobiliare, svolgendo via via incarichi sempre più importanti nel settore. Un percorso di crescita professionale che culmina nel 1994 con l'assunzione dell'importante carica di Amministratore Unico per Teorema S.r.l. e successivamente, sempre nel medesimo ruolo, per la società fiorentina SOVIC S.r.l. In seguito Stefano Nesti cambia ramo professionale, interessandosi di gaming online e betting. Dal 2010 entra a far parte della società austriaca con sede a Innsbruck, GB Invest Holding AG, avendo in precedenza rilevato la totalità della proprietà del gruppo che detiene a sua volta il 100% delle quote di GoldBet Sportwetten GmbH. Dopo aver lasciato la guida della società, posta nelle mani del figlio ad inizio 2015, Stefano Nesti si dedica all'ampliamento sui mercati esteri e all'internazionalizzazione della stessa, riuscendo a portare a termine il percorso di regolarizzazione e arrivo nel sistema concessorio italiano. Dal 2014 il manager toscano è International Development Director per la società inglese Logispin UK Limited, nata nel 2009 e specializzata nello sviluppo di piattaforme e reti di gioco online.

Stefano Nesti e l'esperienza nell'azienda inglese Logispin Uk Limited

Società inglese con sede a Londra, Logispin Uk Limited nasce nel 2009. Stefano Nesti, con esperienza nel settore del gaming online grazie alla consulenza e al ruolo di SEO svolto per GoldBet Sportwetten GmbH, vi giunge nel 2014, contribuendo alla sua internazionalizzazione e al suo successo. L'azienda garantisce alla propria clientela l'assistenza post vendita, curando la creazione di sistemi di scommesse online in tutte le sue fasi, dal design alla gestione sino allo sviluppo finale, in virtù di una competenza e professionalità che la fanno emergere rispetto ai suoi competitor. In aggiunta ai sistemi di gaming e betting, la società di cui Stefano Nesti è International Development Director, sviluppa sistemi di pagamento, Console Trading, Fraud Management, Back Office, offrendo alle aziende terze numerosi strumenti di gestione e realizzazione delle statistiche relative ai mercati.

Le novità dal mondo Google presentate oggi a Roma

Il 30 marzo appuntamento con l'innovazione a Palazzo Montemartini

Google Cloud Next 2017: il futuro del cloud è adesso


Il 30 marzo la tappa romana del Google Next Extended di Noovle 

30 Marzo - ore 16:00
Palazzo Montemartini Largo Giovanni MontemartiniRoma
Roma,30 marzo 2017E’ appena terminato il Google Cloud Next 2017, l’evento dell’anno organizzato dal gigante di Mountain View per illustrare, in oltre 200 sessioni, le ultime tendenze in tema di Cloud, Smart Data, Virtual Machine, Machine Learning e molto altro ancora.
Per l’Italia sono previste diverse tappe organizzate da Noovle – principale Premier Partner italiano di Google Cloud e fra i primi 50 nel mondo – e il 30 marzo sarà la volta di Roma all’interno dello splendido Palazzo Montemartini, nel cuore della capitale, attraversato dalle Mura Serviane del VI secolo avanti Cristo, tra le Terme di Diocleziano e la chiesa di Santa Maria degli Angeli.
Nel corso dell’evento si esplorerà in che modo Immaginare, Imparare, Costruire (Imagine, Learn, Build) un nuovo modo di lavorare e di vivere grazie alla tecnologia cloud, nel nome di innovazione, efficienza e connettività.
Siamo nel pieno della quarta rivoluzione industriale, con il digitale che ha completamente trasformato i paradigmi di mercato e ha reso focale la relazione con un utente finale sempre più interconnesso e informato. Oggetti e luoghi reali interagiscono con il mondo circostante e trasferiscono dati ed informazioni attraverso la rete: Big Data, Analytics e Internet of things sono gli ambiti su cui si gioca il futuro. Secondo le previsioni, nel 2020 lo sviluppo dell'Internet of Things porterà a venti miliardi di dispositivi connessi con una mole di dati generati che aumenterà in maniera esponenziale e gli Analytics diventeranno determinanti nei processi decisionali delle organizzazioni.
In ogni ambito e in qualsiasi settore la diffusione dell’IoT obbliga alla radicale revisione dell’organizzazione e dei processi, sempre più connessi tra loro e gestiti in Real Time per realizzare soluzioni, un tempo solo immaginabili, che integrano tutta una serie di fonti dati e offrono un unico punto di visione e di accesso. Grazie ai nuovi modelli di machine learning e agli algoritmi predittivi si è oggi in grado di anticipare e intercettare i trend di cambiamento e fornire maggiore efficienza e reattività a tutta la filiera riuscendo così a fare sistema e ad essere sempre più competitivi.
Nel corso dell’evento di Roma interverranno esponenti di Google Cloud e Noovle e verranno illustrati casi di successo attraverso la testimonianza di importanti realtà nazionali come OIC, Fondazione Opera Immacolata Concezione e e Agenzia Roma servizi per la Mobilità
Di questo e altro si parlerà negli eventi Next Extended organizzati da Noovle e Google Cloud di cui è possibile consultare l’agenda e registrarsi gratuitamente a questo link.
Accredito Stampa

Enel investe in Sicilia: la società guidata da Francesco Starace pronta ad investire 100 milioni di euro

In occasione della visita del Premier Paolo Gentiloni a Catania, è stato presentato il piano di investimenti pari a 100 milioni di Euro per la realizzazione di un Innovation Lab a Passo Martino e per il potenziamento di 3Sun, fabbrica di pannelli fotovoltaici. Soddisfazione dell’Amministratore Delegato di Enel, Francesco Starace.

Francesco Starace, Amministratore Delegato di Enel

Francesco Starace: "Orgogliosi di promuovere la creazione di un tessuto imprenditoriale attento ai giovani nel Sud Italia"

100 milioni di euro da investire nel potenziamento e nella ricerca in ambito tecnologico: è questa l'iniziativa presentata da Enel in occasione della visita del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni agli impianti di Catania. Il Premier è stato accompagnato nel centro di Passo Martino dall'Amministratore Delegato Francesco Starace e da Francesco Venturini, Responsabile della divisione globale energie rinnovabili, Enel Green Power. Focus dell'incontro la Green Economy, una frontiera fondamentale per l'accrescimento del Paese, in particolare del Mezzogiorno. Paolo Gentiloni ha infatti sottolineato l'importanza dell'iniziativa, che favorisce da un lato il mantenimento della linea di produzione nella fabbrica 3Sun, con positive ricadute per dipendenti e per lavoratori dell'indotto, dall'altro garantisce la messa in produzione di nuove tecnologie. Soddisfatto anche l'Amministratore Delegato Francesco Starace, che ha evidenziato quali siano le finalità principali dell'investimento: portare sul mercato soluzioni energetiche sempre più affidabili e sostenibili, puntare sull'innovazione e promuovere la creazione di un tessuto imprenditoriale attento ai giovani nel Sud Italia. Enel punta quindi anche sul mercato interno e non solo nel contesto internazionale, come evidenziato in chiusura da Francesco Venturini.

Francesco Starace: profilo

Amministratore Delegato di Enel dal maggio 2014, Francesco Starace arriva ad assumere l'incarico dopo un percorso di quasi 15 anni all'interno del Gruppo. Nel 2000 viene infatti scelto per ricoprire posizioni manageriali di primo piano: inizialmente Direttore dell'Area di Business Power, diviene in seguito Direttore della Divisione Mercato e Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel Green Power, società leader nel settore delle energie rinnovabili. In questa sua ultima esperienza, in particolare, ottiene brillanti risultati, guidando il collocamento della società in Borsa con una capitalizzazione di mercato di 8 milioni di Euro. Precedentemente all'esperienza in Enel, Francesco Starace ha collaborato con importanti realtà del settore energetico quali General Electric, ABB Group e Alstom Power Corporation, lavorando negli Stati Uniti, in Arabia Saudita, in Egitto e in Bulgaria.
Attualmente è membro del Consiglio di Amministrazione del Global Compact delle Nazioni Unite, componente dell'Advisory Board dell'iniziativa Sustainable Energy 4 All delle Nazioni Unite, Co-Presidente dell'Energy Utilities and Energy Technologies Community del World Economic Forum e Co-Presidente del B20 Climate & Resource Efficiency Task Force.

Il "papà degli ebook" supera i 200.000 Fan su Facebook

15 anni dopo i primi ebook pubblicati, l'editore Giacomo Bruno fa + 215% su Facebook.
L'editore Giacomo Bruno, che nel 2002 con la Bruno Editore ha portato in Italia gli ebook di formazione, rilancia le sue pubblicazioni su Facebook e in 2 mesi supera i 200.000 FAN con un tasso di crescita del 215% negli ultimi 7 giorni.
Con 1.8000.000.000 di utenti, Facebook è il social media più amato a livello mondiale e sono poche le case editrici che hanno davvero saputo sfruttare questo strumento.
Ma è davvero possibile rilanciare l'editoria in un Paese dove si legge meno di 1 libro all'anno? Ce lo spiega il "papà degli ebook" Giacomo Bruno, Presidente di Bruno Editore.
"Facebook rappresenta una grande opportunità per gli Autori di oggi." - spiega Giacomo Bruno - "Le persone navigano su Facebook per cercare informazioni e i nostro ebook di formazione sono una risposta perfetta per chi vuole migliorare le proprie competenze, sia a livello personale che professionale."
I contenuti gratuiti, le citazioni di grandi filosofi e le frasi motivazionali tratte dai libri pubblicati da Bruno Editore sono molto apprezzati e sono diventati in breve tempo molto virali, portando la pagina ad essere il profilo con il più alto tasso di crescita in Europa (100.000 nuovi FAN in 10 giorni).
"Con la nostra FanPage vogliamo aiutare il maggior numero possibile di persone a cambiare vita attraverso i nostri libri formativi." - continua Giacomo Bruno - "In contemporanea formiamo gli Autori a diventare professionisti non solo nella scrittura ma anche nel marketing e nel public speaking, accompagnandoli a diventare Bestseller Numero1 su Amazon."
Da alcuni mesi è infatti partito il progetto formativo Numero1™, un corso in aula di 3 giorni che insegna come progettare, scrivere, pubblicare e lanciare il proprio libro, anche partendo da zero.
La prima edizione a Roma ha visto la presenza di 300 persone. Per il prossimo appuntamento del 6/7/8 Ottobre a Milano sono previsti più di 1.000 partecipanti. Per saperne di più è possibile scaricare 4 video gratuiti dal sito:
www.Numero1.me

Profilo Facebook Giacomo Bruno:
https://www.facebook.com/giacomo.bruno/

Al terzo “First Thursday AUSED” si parla di IT Service Management 4.0

Terzo appuntamento dell’anno con i “First Thursday” organizzati dall’AUSED presso lo Spazio Copernico di Milano.
f-t-logoTutti i primi giovedì del mese AUSED propone un tema di confronto tra CIO, sistema dell’offerta e mondo della ricerca. Sono incontri informali, senza microfoni, fotografi o scalette predefinite, per condividere esperienze e idee gustando insieme un buon aperitivo nella cornice dello Spazio Copernico. Tema del terzo First Thursday sarà l’IT Service Management 4.0.
La gestione dei servizi IT si sta radicalmente trasformando per venire incontro alle esigenze delle aziende investite dalla digital transformation, innovazione tecnologica ed esperienza utente sono al centro di questa trasformazione.
Per rendere le imprese più competitive in un mercato in evoluzione, servono competenze tecniche sia verticali che trasversali che non sempre si trovano in azienda. Quando conviene affidarsi a un partner che si assuma la responsabilità della gestione delle infrastrutture IT? Quale contributo si richiede al partner perché l’IT diventi di supporto al business aziendale e veicolo di trasformazione dei processi aziendali?
Le iscrizioni sono aperte a questo Link: http://bit.ly/2oyfWKv oppure contattando la segreteria AUSED scrivendo ad aused@aused.org

Agenda dell’incontro
Service Management nell’era dell’Industry 4.0
Servizi automatici e servizi gestiti
ITIL e il contributo dell’IT al business
Customer experience & misurazione delle performance
Relatori: Erica Nannetti, direttore servizi di VEM Sistemi e Giovanni Toscani, responsabile NOC/SOC di VEM Sistemi |
Moderatore: Francesca Gatti, Osservatorio Compliance e Sicurezza AUSED
N.B. Per un confronto produttivo il numero massimo degli ammessi è di 15 con priorità per i CIO Soci AUSED.
Aperitivo gentilmente offerto da VEM Sistemi

Social: #FTAUSED – @ausednews

mercoledì 29 marzo 2017

Smartphone | Samsung Galaxy S8: cosa si attende il mercato | Commento Osservatori Politecnico di Milano


Cosa si attende il mercato da Samsung Galaxy S8

 

Samsung punta su un nuovo design total display per massimizzare l'esperienza di fruizione di contenuti, in particolare video.

Il commento di Marta Valsecchi, Direttore dell'Osservatorio Mobile B2c Strategy del Politecnico di Milano, in occasione del lancio del nuovo smartphone.

       

Dopo i problemi dell'ormai famigerato Note 7, Samsung torna sotto i riflettori con un nuovo smartphone. Il Galaxy S8, presentato oggi, si caratterizza per essere un device total display, con il tasto home fisico che sparisce e cornici ridottissime per sfruttare il più possibile la dimensione del dispositivo. Il motivo è semplice: massimizzare la dimensione dello schermo senza aumentare eccessivamente quella complessiva. Si tratta di una scelta fatta anche da altri produttori nei recenti lanci di nuovi smartphone e che delinea, quindi, una nuova tendenza stilistica destinata a diventare standard. A richiederlo, infatti, è il mercato. Sempre più gli smartphone vengono, infatti, utilizzati per fruire di contenuti video (anche in alta definizione). E l'Italia, su questo fronte, si piazza in alto alla classifica. Secondo i dati di comScore, infatti, sono 18,4 milioni gli italiani dai 13 anni in su che dichiarano di fruire mensilmente di contenuti video da Mobile, dato in crescita del 14% rispetto all'anno precedente (e la gran parte di essi li consuma ogni settimana). Si tratta di oltre la metà (56%) dei possessori di smartphone, percentuale sostanzialmente in linea con quanto accade nel mercato US e superiore invece a quanto succede in Francia, Germania, Spagna e persino nel Regno Unito.
Per quanto riguarda la fotocamera, altra funzionalità ampiamente apprezzata dai consumatori e dunque driver di scelta dello smartphone, i rumors parlano di una fotocamera posteriore sostanzialmente identica a quella, già di alta qualità, del modello precedente (il Galaxy S7), ma di un netto miglioramento di quella anteriore (sempre più usata per i selfie). 
C'è molta attesa, infine, per il nuovo assistente virtuale Bixby, altro ambito di forte competizione tra i grandi produttori di smartphone e i giganti del Web. Google, Apple, Microsoft, Amazon sono già tutti in pista (rispettivamente con Assistant, Siri, Cortana e Alexa). Samsung promette un modello di interazione totalmente nuovo rispetto a quanto disponibile oggi sul mercato. Per questo sarà interessante valutarlo con attenzione. Gli assistenti virtuali sono, infatti, un passo decisivo per l'industria tecnologica. La competizione è accesa, perché rispondendo alle richieste degli utenti, i software immagazzinano una massiccia quantità di dati. E qualcuno ha già scritto che i dati sono il nuovo petrolio. 

  



 

La School of Management del Politecnico di Milano, costituita nel 2003, accoglie le molteplici attività di ricerca, formazione e alta consulenza, nel campo dell'economia, del management e dell'industrial engineering, che il Politecnico porta avanti attraverso le sue diverse strutture interne e consortili. La Scuola ha ricevuto nel 2007 il prestigioso accreditamento EQUIS. Dal 2009 è nella classifica del Financial Times delle migliori Business School d'Europa. Nel Marzo 2013 ha ottenuto il prestigioso accreditamento internazionale da AMBA per i programmi MBA e Executive MBA. Dal 2014, la Scuola è membro di UniCON, PRME e Cladea. La Scuola può contare su un corpo docente di più di duecento tra professori, ricercatori, tutor e staff e ogni anno vede oltre seicento matricole entrare nel programma undergraduate. Fanno parte della Scuola: il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e MIP Graduate School of Business che, in particolare, si focalizza sulla formazione executive e sui programmi Master.
Gli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano nascono nel 1999 con l'obiettivo di fare cultura in tutti i principali ambiti di Innovazione Digitale per favorire lo sviluppo del Paese. La Vision che guida gli Osservatori è che l'Innovazione Digitale sia un fattore essenziale per lo sviluppo del Paese. La Mission degli Osservatori è produrre e diffondere conoscenza sulle opportunità e gli impatti che le tecnologie digitali hanno su imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini, tramite modelli interpretativi basati su solide evidenze empiriche e spazi di confronto indipendenti, pre-competitivi e duraturi nel tempo, che aggregano la domanda e l'offerta di innovazione digitale in Italia. Gli Osservatori sono oggi un punto di riferimento qualificato sull'innovazione digitale in Italia che integra attività di Ricerca, Comunicazione, Formazione e una Community sempre più ampia di professionisti. Gli Osservatori sono ormai molteplici e affrontano in particolare tutte le tematiche più innovative: Agenda Digitale, Big Data Analytics & Business Intelligence, Cloud & ICT as a Service, Cloud nella PA, Contract Logistics, Digital Finance, Digital Transformation Academy, Digital Insurance, eCommerce B2c, eGovernment, Enterprise Application Governance, Export, Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione, Gestione Progettazione e PLM (GeCo), Gioco Online, HR Innovation Practice, Hubility/Multicanalità, Industria 4.0, Information Security & Privacy, Innovazione Digitale in Sanità, Innovazione Digitale nel Retail, Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali, Innovazione Digitale nel Turismo, Internet Media, Internet of Things, Mobile B2c Strategy, Mobile Banking, Mobile Payment & Commerce, Professionisti e Innovazione Digitale, Smart Agrifood, Smart Working, Startup Hi-tech, Startup Intelligence, Supply Chain Finance.





--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 28 marzo 2017

I consigli di vente-privee per affrontare la presentazione ai futuri suoceri

"Ti presento i miei": un momento importante che desta molte preoccupazioni

vente-privee svela i consigli per affrontare al meglio la presentazione ufficiale ai futuri suoceri. 

 



C'è un momento nella storia di ogni relazione che segna il passaggio da semplice frequentazione priva di qualsiasi impegno a un rapporto aperto a progetti futuri: questo traguardo è segnato dalla conoscenza dei "possibili suoceri". E se un tempo era il ragazzo a doversi presentare al padre della ragazza, oggi spesso i ruoli sono invertiti ed è lei che incontra per prima i genitori di lui. 


rivelarlo è vente-priveepioniere e leader delle vendite-evento online, che ha coinvolto le socie italiane in una ricercasul primo incontro con i genitori di lui: un'esperienza il più delle volte assolutamente piacevole ("una passeggiata" secondo il 53% delle intervistate), ma che rappresenta senza dubbio un momento cruciale nella vita di coppia, capace di creare svariate preoccupazioni.


Del resto, in genere, più si cerca di far colpo e più si combinano guaistile Ben Stiller in "Ti presento i miei": le ore prima di quel fatidico incontro sono piene di dubbi, soprattutto per le donne che temono gli occhi giudici delle possibili future suocere. Sulla base dei risultati emersi dalla ricerca, per scongiurare qualsiasi figuraccia e tenere a bada ogni timore, vente-privee ha coinvoltoRossella Migliaccionota Consulente d'immagine, per conoscere le regole d'oro per essere impeccabili.


La prima impressione è quello che conta: fate indagini preliminari

Secondo l'indagine di vente-privee, il 50% delle intervistate conosce i futuri suoceri dopo alcuni mesi dal fidanzamento, quando il rapporto è già consolidatoil più delle voltel'occasione si concretizza in un pranzo a casa dei genitori di lui (68% dei casi), in un incontro casuale (o meglio, casualmente costruito!) nel 24% dei casi, mentre solo l'8% riceve un invitoal ristorante

 

Indispensabile quindi, per prima cosa, informarsi sul luogo: una cena fuori richiederà un abbigliamento differente rispetto a quello adatto ad un pranzo a casa a un incontro più informale. 


In ogni caso, afferma Rossella Migliaccio, "prima di pensare all'outfit più opportuno, ricordatevi di presentarvi per quello che siete, cioè la ragazza di cui si è innamorato loro figlio. Se siete introverse, non forzatevi di essere espansive e al contrario se siete esuberanti non presentatevi come timide. Siate semplicemente voi stesse, ma con una buona dose di flessibilità e capacità di adattamento".

 

Il web è fonte di consigli utilinon solo! Vi sono svariate soluzioni anche per l'abbigliamento, da acquistare online come su vente-privee che propone ogni giorno un'ampia offerta di brand di moda, accessori, calzature, gioielli…insomma tutto il necessario per creare il look giusto per ogni occasione


Un'italiana su tre, secondo l'analisi condotta dal sito, si affida a internet leggendo forum e ricercando racconti ed esperienze delle altre utenti, nella speranza di ridurre al minimo gli errori.

 

Scegliete il giusto outfit: l'eleganza paga sempre

"Cosa mi metto per incontrare i suoi genitori?" è la domanda che preoccupa l'85% delle intervistate da vente-priveeRossella Migliaccio consiglia di informarsi in anticipo sullo stile dei futuri suoceri: si tratta di persone moderne o piuttosto all'antica? 


Questa semplice domanda aiuterà, infatti, a decidere se puntare su uno stile casual oppure classico, evitando semprefantasie animalier o colori molto accesi e mixati tra loro che potrebbero dare un'immagine aggressiva e far concentrarel'attenzione di chi vi sta parlando solo sull'abbigliamento. Inoltre assolutamente out i capi eccessivamente "mini" o scollati. Il segreto è privilegiare capi che facciano sentire a proprio agio, evitando tutti quei dettagli che possono creare imbarazzi

 

In base alla ricerca di vente-privee, lo stile casual è il preferito in assoluto (76%), seguito, per incontri più formali, da un look moderatamente elegante (18%) come tubino nero oppure gonna al ginocchio o ancora un completo top e pantalone


"Tenete ben presente che incontrerete persone che diventeranno parte delle relazioni familiari, pertanto è opportuno non esagerare in nessuna formaSe ad esempio nella vita di tutti i giorni vestite in modo formale il mio consiglio – afferma Rossella– è di puntare su un classico tubino oppure su un completo top e pantalone (con la riga, straight o skinny) che è sempre un passe-partout, giocando con i volumi: attillato sotto, ampio sopra, evitando il rischio di sembrare palloncini o al contrario delle acciughe. Se, invece, avete uno stile più casual può andar bene anche un jeans, purché non strappato, da abbinare a ballerine o sneaker modaiole". 


Solo il 6% delle intervistate si sente a suo agio per l'occasioneindossando un abito elegante e scarpe con tacco.

 

La semplicità è d'obbligo anche per quanto riguarda trucco e gioielli

Infatti, se il 62% sostiene di aver conservato il trucco di sempre, semplice e senza eccessi, il 29ha preferito un look acqua e sapone, mentre il 9% ha scelto colori chiari e toni pastello adatti alla propria carnagione, seppure non fossero i colori abitualmente usati. 


"Anche il trucco è fondamentale, perciò niente ombretti colorati, né tantomeno rossetti rosso fuoco e mascheroni. E' sufficiente una buona base per uniformare l'incarnato, una sottile e leggera linea di matita, un mascara marrone scuro o nero da stendere sulle ciglia superiori per dare profondità allo sguardo senza appesantirlo. Per completare, un rossetto rosa se siete chiare di carnagione o color nude se olivastre e un tocco di blush sugli zigomi" secondo Rossella Migliaccio.

"Inoltre, se amate i gioielli non esagerate scegliendo cose troppo vistose o eccessive, ma privilegiate elementi leggeri e facili da indossare che si abbinino bene ai colori del vestito che deciderete di indossare". 

Lo conferma l'88delle intervistate che sostiene di aver seguito la regola "less is more" optando per accessorisemplici ed evitando di indossare un'intera parure. Il 12sceglie,invece, i gioielli regalati dal partnerun'astuzia che potrebbe giocare a vostro favore, trasformandosi in un buono spunto di conversazione!

 

Contate fino a dieci prima di parlare…e sorridete!

A tavola si sa, si parla un po' di tutto. 

Se conoscete abitudini, hobby e passioni dei vostri interlocutori sarà possibile prepararsi sugli argomenti di conversazione più appropriati, evitando imbarazzanti silenzi dopo la prima mezz'ora di convenevoli. 


Tuttavia se questo non è possibile, meglio scegliere argomenti neutri e leggeri che permettano di conversare senza rischio di toccare argomenti scomodi


Il 41suggerisce di evitare, in particolare, di esprimere giudizi sui difetti del proprio partnerperché potrebbero essere interpretati come una critica ai metodi educativi dei genitori; il 29% sostiene sia meglio evitare di parlare di politica o religione in quanto potrebbero facilmente scaldare gli animi. 


Seppur il 20% creda, invece, che non ci siano argomenti tabù, Rossella Migliaccio consiglia: "è meglio lasciare certe argomentazioni a quando il rapporto sarà più consolidato e si avrà più confidenza, mentre durante il primo incontro cercate di rendervi il più possibile neutrali, facendo sì che la conoscenza siapiù semplice. Ascoltate l'altro con attenzione, ponete domande e mostrate interesse nei confronti dell'interlocutore".  


Infine il sorriso: è l'arma migliore da sfoggiare per conquistare tutti, in qualsiasi occasione. Secondo la ricerca di vente-privee un atteggiamento positivo e sorridente è la soluzione migliore nell'88% dei casianche per riempire silenzi imbarazzanti.


Le mani oltre che curate non devono essere mai vuote

L'ultima regola da seguire è indubbiamente quella di omaggiare la padrona di casa con un pensiero


Un mazzo di fiori rimane la scelta più tradizionale nonché la meno rischiosa (per il 47%), ma è possibile optare anche per qualcosa da consumare insieme, come una buona bottiglia di vino per brindare o un dolce da condividere (32%), oppure ancora preparare un piatto fatto in casa (21%)"Mi raccomando però - avverte Rossella Migliaccio - senza pensare di essere concorrenti di Masterchef, dovreteprestare molta attenzione non solo alla preparazione, ma anche alla presentazione!".

 

 

 

 

 

vente-privee.com

Pioniere delle vendite-evento online e leader mondiale del settore, vente-privee.com è dal 2001 specialista nel destoccaggio di grandi marche con 50 milioni di soci nel mondo. Le vendite hanno una durata limitata che va da 3 a 5 giorni e sono organizzate in stretta collaborazione con più di 6.000 grandi marche internazionali in tutti i settori merceologici: abbigliamento, accessori, oggettistica per la casa, articoli sportivi, high-tech, vino e gastronomia… La collaborazione privilegiata con le marche permette di proporre prezzi estremamente vantaggiosi. Nel 2015 vente-privee.com ha acquisito una quota di maggioranza della belga vente-exclusive.com, seguita, nel 2016, dall'acquisizione della spagnola Privaliadella svizzera e-boutic.ch, della danese Designers & Friends del sito polacco Złotewyprzedaże.pl. Grazie a queste acquisizioni, il Gruppo è presente in 14 Paesi (Francia, Italia, Spagna, Germania, UK, Austria, Benelux, Svizzera, Danimarca,PoloniaBrasile e Messico). Con oltre 4.000 dipendenti nel mondo, vente-privee.com ha realizzato nel 2015 un fatturato di 2 miliardi di euro. 




--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI