Cerca nel blog

mercoledì 2 agosto 2017

Ecco le 6 regole per aumentare la produttività attraverso la felicità del lavoratore

Quanto influisce la felicità dei dipendenti sulla loro produttività? 
È davvero un fattore così importante? 
Sembrerebbe proprio di sì: sono stati condotti diversi studi sul tema, e lo conferma anche il caso di Google, nominato come miglior posto al mondo in cui lavorare dalla rivista Fortune.

Sia che tu sia un imprenditore che gestisce una start up o un dirigente aziendale con migliaia di dipendenti, è difficile ignorare l'evidenza di un grande valore quale è la felicità dei dipendenti

Ad esempio, la Harvard Business Review, un po' di tempo fa, ha pubblicato un'analisi di centinaia di studi che mostrano come attraverso la felicità dei dipendenti si è raggiunta una produttività media superiore del 31%, una vendita superiore del 37% ed una creatività tre volte superiore alla media.

La sfida è trovare il modo migliore per mantenere tutti, nella tua squadra, felici e produttivi. Google, che è stata classificata dalla rivista Fortune come il miglior posto al mondo in cui lavorare, sembra mettere sul piatto diverse fonti di apprezzamento come fornire una fonte di cibo gratuito a ogni dipendente, raggiungibile in soli tre minuti da ogni ufficio, attraverso molte micro-cucine aperte 24 ore su 24 nel loro campus.

Purtroppo, sospetto che questo sia un po' più complicato da sostenere per la maggior parte delle aziende. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che la felicità sul posto di lavoro è difficile da trovare, in parte perché noi come esseri umani non siamo particolarmente bravi ad essere felici.

Un lavoratore felice è un lavoratore più produttivo?

Esploriamo nel dettaglio questa domanda e osserviamo le intuizioni utili per massimizzare i tuoi sforzi:

1. La frequenza della ricompensa è più importante della dimensione.
I feedback aziendali indicano che le piccole ricompense frequenti mantengono più felici i lavoratori rispetto ad un singolo grande evento infrequente. Restano più felici anche dinnanzi ai più grandi premi, in meno di un anno, avendo la maggior parte dei dipendenti che rispondono meglio alle piccole dosi di ricompensa a distanza di pochi giorni.

2. La varietà di eventi positivi impedisce l'adattamento.
Le persone tendono ad affrontare eventi che si verificano ripetutamente, non importa quanto siano positivi. Il valore di andare in vacanza è quello che rompe la routine della vita quotidiana, oltre a farti riconoscere i piaceri di tornare a casa. Al lavoro, la varietà potrebbe significare eventi o riconoscimenti unici ogni mese.

3. Le esperienze positive inaspettate offrono un impatto maggiore.
Quando sorge qualcosa di sorprendente, i nostri cervelli automaticamente prestano più attenzione, prestando attenzione a questi eventi di un maggiore peso emotivo. Quindi è necessario fare sorprese positive più frequenti, come pranzi o attività speciali, per superare le occasionali, inevitabili, cattive notizie.

4. Le nuove esperienze di vita hanno più impatto che gli oggetti come ricompensa.
L'evidenza indica che fornire nuove esperienze di vita positive (ad esempio, una corsa, una degustazione di vini o una vacanza in Italia) tende ad offrire una maggiore spinta alla felicità rispetto a spendere una quantità, equiparabile, sugli oggetti materiali (televisore a schermo piatto, abito elegante o borsa).

5. La felicità può essere attivata al di fuori della consapevolezza cosciente.
La musica rilassante può sollevare inconsciamente gli umori dei dipendenti, così come i profumi gradevoli (panificio vicino, candele o caffè). Negozi e casinò usano la tecnica del "marketing aroma" per mettere i clienti in stati umani positivi, non per produttività, ma per aumentare il loro ottimismo e la loro propensione a spendere.

6. La messa a fuoco sui risultati porta ad un miglior apprezzamento del lavoro.
Le imprese devono fare uno sforzo in più chiedendo e ascoltando i risultati dei lavoratori, invece di concentrarsi su ciò che non funziona o che non è stato fatto. Chiedere i risultati ottenuti in un contesto di gruppo incoraggia il riconoscimento dei collaboratori e l'espressione di riconoscenza.

La ricerca mostra anche che: quando i membri del team sono felici sul lavoro sono dei collaboratori migliori, lavorano a obiettivi comuni e sono più innovativi. Ciò significa che investire nella loro felicità ripaga. Aumenta l'umore della gente, quando crei una squadra, usando rinfreschi, buone notizie o un'attività interattiva. Il trucco è quello di promuovere una mentalità che beneficia delle attività che si stanno chiedendo di intraprendere.

I manager ed i dirigenti non dovrebbero mai confondere gli eventi di riconoscimento ed i pranzi di gruppo come un tempo improduttivo. Tutte le interazioni che portano i dipendenti ad uno status positivo aumentano la produttività nel lungo periodo. In maniera analoga, non confondere la presenza delle persone con la produttività. I dipendenti produttivi sono quelli che sono appassionati, concentrati ed eccitati di essere lì.

Un altro elemento importante che contribuisce all’aumento della produttività è l’ambiente di lavoro. Il concetto di spazio nei nuovi luoghi di lavoro, che oltrepassano i confini rigidi dell’ufficio tradizionale per adeguarsi ad un nuovo tipo di lavoratore, che vuole sentirsi a casa anche al lavoro. Lavorare in un ambiente piacevole o in un open workspace stimolante aiuta la produttività, ma a condizione che sia un ambiente ergonomico. Infatti, non va sottovalutato neanche quel "dettaglio" chiamato sedia.

A causa dello stile di vita impegnativo che la maggior parte di noi sostiene oggi, trascorriamo più tempo nelle nostre sedie dell'ufficio che nei nostri letti. Poiché le sedie per ufficio occupano una così grande parte nella nostra vita, è più che importante scegliere quelle che ci forniscono più comfort. Sedersi sempre nella stessa posizione, mentre si è al lavoro, esercita una pressione sulla spina dorsale. Ecco perché hai bisogno di una poltrona work-friendly.

Il lavoratore si sveglia ogni mattina fresco e pieno di energia, pronto a fare le cose che il suo lavoro comporta, ma dopo essersi seduto per qualche ora nella sua sedia scomoda, tutto quello che sta ottenendo è un fastidioso mal di schiena.  

Il costante spostamento per trovare una posizione comoda per sedersi può influire sulla concentrazione e può fare vagare la sua mente. 

Il mal di schiena è un disturbo diffusissimo al giorno d’oggi, e colpisce persone di tutte le età: gli esperti di Sediadaufficio ci informano che, circa il 60% della popolazione dei paesi industrializzati, secondo le statistiche, ne soffre frequentemente.

Una sedia da lavoro ergonomica che ricalchi letteralmente il corpo, farà sentire il lavoratore come se stesse sedendo in un prato rilassante e non in mezzo ad un ufficio. Presto smetterà di far caso alla sua sedia e invece si concentrerà sul suo lavoro, specialmente se si trova in un ambiente piacevole

Questo è inoltre sostenuto da diverse ricerche basate su diversi studi di impiegati pubblicate dal Journal of Safety Research nel 2008, che hanno dimostrato che un posto di lavoro dotato di sedie da ufficio adeguate sperimenta una crescita produttiva, in media, del 17%. 

Anche l'assenteismo è diminuito notevolmente a causa dei lavoratori che hanno meno problemi muscolo-scheletrici che hanno richiesto, sempre meno, un congedo per malattia.

In conclusione, è possibile che sia gli impiegati e sia gli imprenditori siano felici e produttivi.

"Come azienda, i dipendenti felici portano al successo, più che il successo porta alla felicità."

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email