Cerca nel sito

sabato 18 marzo 2017

20 marzo A ROMA IL FUNAMBOLO DEI RECORD IN ZEN E FUNAMBOLISMO

20 marzo 2017 – ore 19:00
LIBRERIA TEATRO TLON
Via Federico Nansen, 14 - Roma

Andrea Loreni

ZEN E FUNAMBOLISMO

Le mie vie alla ricerca dell'essere autentico

La traversata del Tempio di Sogen-ji in Giappone; il documentario, le conferenze


Zen e funambolismo: vivere il qui e ora

Sarà ospite della LIBRERIA TEATRO TLON Lunedì 20 marzo 2017 – ore 19:00 il funambolo Andrea Loreni, che presenterà al pubblico le sue discipline di arte e meditazione; come affronta le paure nella vita e ad alta quota; il suo progetto in Giappone, che unisce anche geograficamente il suo percorso artistico e personale.
Da dieci anni cammina su cavi di acciaio tesi a grandi altezze. Da dieci anni pratica la meditazione Zen che ha approfondito partendo proprio dall'intuizione dell'assoluto avuta camminando a grandi altezze. È Andrea Loreni, funambolo italiano laureato in Filosofia Teoretica, che dal 2006 si dedica alla ricerca della verità artistica camminando sul cavo alto, al quale si è avvicinato frequentando le scuole di circo contemporaneo alla Scuola Flic di Torino e al Circus Space di Londra.

Sul cavo io vivo profondamente il momento attuale, il cavo è il luogo di morte del mio ego, dove memorie e aspettative cessano di esistere. E se non si ha paura di avere paura si può aprire la porta dietro la quale giace l'assoluto, che sta in fondo a tutte le cose.
Durante il mio ultimo sanzen, colloquio formale con il maestro, il Roshi mi ha chiesto "Sei morto completamente facendo zazen?". "Non ancora" risposi. Allora il Roshi, immobile come un macigno, mi disse che c'è solo il qui e ora, o sei morto o non lo sei, non c'è futuro, non c'è passato, non c'è tempo per l'evoluzione della situazione attuale, c'è solo la situazione attuale.
È questo il tema che Andrea Loreni, unico funambolo italiano specializzato in traversate su cavo a grandi altezze, ora vuole affrontare e raccontare: la ricerca dell'essere autentico, la necessità di rapportarsi con le paure e gestirle per arrivare all'essenza. E lui lo fa attraverso quelle che sono le arti e discipline che conosce -zen e funambolismo- che nel tempo si sono rivelate così simili e complementari.

Il progetto: la traversata sul Tempio, il documentario e libro, le conferenze
Quando ho chiesto al maestro Shodo Harada di poter tendere un cavo d'acciaio sopra il lago del Tempio in cui pratico meditazione – continua Andrea- lui ha risposto "Dōzo". Dōzo in giapponese significa più o meno 'prego'. Per me quel dōzo ha significato Qui c'è un'opportunità di vita autentica, non lasciarla scappare.
E così il prossimo agosto Andrea tornerà in Giappone, al Tempio Sogen-ji, a Okayama, per proseguire il percorso di ricerca. Lo attende una traversata su cavo teso sopra il lago del Tempio. La camminata al Tempio sarà l'opportunità geografica di unione delle sue due discipline, il luogo in cui le sue personali strade di crescita umana si incontrano. E sarà il primo uomo a camminare su cavo all'interno di un Tempio Zen.
Per sostenere e divulgare il progetto e soprattutto le sue motivazioni/emozioni, nei prossimi mesi Andrea sarà impegnato in un calendario di conferenze su Zen e funambolismo che toccherà le principali città italiane (a breve il calendario definitivo) e lancerà una campagna di crowdfunding per coinvolgere anche singoli privati nella realizzazione dell'evento nipponico.
Il progetto Zen e funambolismo ha ricevuto il Patrocinio dell'Istituto Italiano di Cultura di Osaka e del Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione "Riccardo Massa", Università degli Studi di Milano-Bicocca ed è l'oggetto del lavoro di ricerca della dottoranda Giulia Schiavone incentrato sull'incontro tra pedagogia e funambolismo. Inoltre è materia di studio per il gruppo di ricerca di Pedagogia del Gioco e di Pedagogia del Corpo (Prof.ssa Francesca Antonacci dell'Università degli Studi Milano-Bicocca).

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI