Cerca nel sito

domenica 28 maggio 2017

3M - Il brand Scotch™ lancia una nuova generazione di dispenser per nastri adesivi

IL BRAND SCOTCH™ LANCIA UNA NUOVA GENERAZIONE DI DISPENSER PER NASTRI ADESIVI

 

Milano, maggio 2017 – Il Brand Scotch® di 3M ha lanciato un nuovo dispenser leggero, progettato per garantire maneggevolezza e massima affidabilità per i suoi nastri adesivi più venduti: il nastro adesivo invisibile Scotch® Magic™ e il nastro adesivo supertrasparente Scotch® Crystal.

La nuova chiocciola, riconoscibile dall'iconico motivo a scacchi del brand, è il frutto del lavoro dei designer di 3M, che hanno studiato come le persone erano solite tenere ed utilizzare il dispenser, realizzando un prodotto che vanta non solo un design ergonomico, ma anche una base antiscivolo, essenziale per quando è appoggiato su una scrivania o un tavolo.

 

La qualità dei nastri Scotch® rimane invariata. Mentre il nastro adesivo Scotch® Magic™ appare satinato nella chiocciola, una volta applicato risulta invisibile e presenta una finitura opaca su cui si può scrivere a penna, matita o con un pennarello, diventando lo strumento ideale per l'etichettatura in casa o in ufficio. Il nastro adesivo Scotch® Crystal è invece un nastro adesivo multiuso che garantisce trasparenza e resistenza con una finitura lucida.

 

Dall'invenzione del primo nastro trasparente nel 1930, il brand Scotch® ha lanciato oltre 400 varietà di nastri adesivi con dispenser sia a base appesantita che leggera, colle e adesivi per i consumatori di tutto il mondo. Il Brand Scotch™ è da poco online con il suo nuovo sito, ancora più ricco di contenuti e con una veste grafica completamente rinnovata:

http://www.3mitalia.it/3M/it_IT/scotch-eu/

 

3M, Scotch®, Scotch® Magic™ e Plaid Design sono marchi registrati 3M.

*GFK Francia, Regno Unito, Germania, Belgio, Paesi Bassi

 

3M

3M traduce la scienza in soluzioni capaci di migliorare concretamente la vita di tutti i giorni. Con un fatturato di 32 miliardi di dollari USA e oltre 90.000 dipendenti, opera al servizio dei clienti in 200 paesi del mondo. Dalla base di 46 piattaforme tecnologiche, 3M opera in aree di eccellenza quali: salute, automotive, oil&gas, consumo, trasporti, grafica, design, elettronica, energia, industria, sicurezza, telecomunicazioni.

3M in West Europe & Middle East impiega 16 mila dipendenti. Con circa 7.5 miliardi di dollari fatturati nel 2014, l'Europa rappresenta oltre il 20 per cento delle vendite globali dell'azienda.

In Italia 3M ha una presenza consolidata in più di 50 anni di attività, circa 1000 collaboratori, un fatturato di oltre 455 milioni di euro ed una vastissima gamma di soluzioni tecnologiche. I più elevati standard di sostenibilità caratterizzano la sede di Pioltello Malaspina (Milano), ha una sede a Roma, tre unità produttive ed un centro di distribuzione.




--
www.CorrieredelWeb.it

Solidarietà, al via la campagna di crowdfunding per riattivare il Centro di Ascolto di Roma della Fondazione Ghirotti

Il centro sosteneva i malati oncologici con un numero gratuito di primo soccorso psicologico


Parte la campagna di crowdfunding sulla piattaforma Eppela per riattivare il Centro di Ascolto di Roma curato dalla Fondazione Ghirotti

Ci sarà tempo fino al 3 luglio per finanziare il progetto:
www.eppela.com/fondazioneghirotti 


Un Centro di ascolto per dare sostegno e informazioni utili ai malati di tumore e ai loro familiari attraverso il supporto di psicologi opportunamente formati, gruppi di ascolto e una linea di assistenza telefonica accessibile gratuitamente da tutta Italia. 

E' questo l'obiettivo di un grande progetto di raccolta fondi online sostenuto dalla piattaforma di crowdfunding eppela in favore della Fondazione Nazionale "Gigi Ghirotti", onlus presieduta dal giornalista Emilio Carelli, che da più di 40 anni è in prima linea nella lotta contro la sofferenza dei malati oncologici e delle loro famiglie. 

La raccolta fondi parte in concomitanza con la XVI Giornata Nazionale del Sollievo che si terrà domenica 28 maggio in tutta Italia e che dall'anno della sua costituzione nel 2001 ha l'obiettivo di promuovere la cultura del sollievo dalla sofferenza fisica e morale dei malati terminali.

Per questo progetto la piattaforma eppela permetterà di raccogliere fondi con un semplice click devolvendo l'intero ricavato direttamente alla Fondazione. 

I cittadini avranno 40 giorni di tempo per partecipare a questa gara di solidarietà contribuendo a riattivare il Centro di Ascolto di via Fratelli Ruspoli, 2 a Roma, che ha interrotto la sua attività proprio per mancanza di fondi. 

I contributi raccolti saranno destinati a contrattualizzare e formare 3 psicologi specializzati nel trattamaneto di patologie oncologiche e ad attività di ricerca, rilevazione dei bisogni e sensibilizzazione sui temi delle cure palliative.


La giornata nazionale del Sollievo

La Giornata Nazionale del Sollievo è promossa dal Ministero della Salute, dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e dalla Fondazione Nazionale Gigi Ghirotti, intitolata, quest'ultima, al nome del giornalista de "La Stampa" che al culmine della sua brillante carriera si ammalò di linfoma di Hodgkin, un tumore a quel tempo inguaribile. Protagonista della giornata di domenica 28 a Roma sarà il Policlinico Gemelli dove si terrà l'evento chiave della manifestazione alla presenza della giornalista Paola Saluzzi, Fabrizio Frizzi, del Prof. Vincenzo Valentini e del Presidente della Fondazione Ghirotti, Emilio Carelli.                                                                                                                                                                                                                                                                  

Eppela è la principale piattaforma italiana di crowdfunding, nata a fine 2011. Ad oggi ha già finanziato oltre 3.000 progetti e raccolto più di 20 milioni di euro. Con circa 450.000 utenti registrati, più di 80.000 visitatori unici la settimana, Eppela è per contatti, progetti e raccolta tra le prime 5 piattaforme in Europa. Unica in Italia, Eppela ha inoltre ideato un modello di collaborazione in partnership, chiamato Mentoring - che finora ha erogato oltre 4,5 milioni di euro di co-finanziamenti - pensato per le aziende interessate ad utilizzare la piattaforma per individuare talenti e sostenere progetti meritevoli di interesse.

 

 

 




--
www.CorrieredelWeb.it

Smart City a Palermo: Powart lancia la rivoluzione energetica

Da pochi giorni a Palermo si sono conclusi i lavori di Smart City Palermo, un progetto che prevede un appuntamento annuale per un bilancio della città e per rintracciare quelle energie creative ed innovative che possano trasformare Palermo in un luogo intelligente e a misura d'uomo. 

Al convegno di presentazione molti gli interventi, studiosi come il Prof. Maurizio Carta ma anche figure istituzionali come Fabrizio Micari Rettore dell'Università di Palermo, il sindaco Leoluca Orlando, Simona Vicari Sottosegretario al Ministero dei Trasporti e soprattutto molte aziende. 

Tra le imprese innovative, brilla Powart, una realtà costruita col contributo di creativi ed artisti che sta trasformando l'energia in un valore sociale e culturale. 

Il suo rappresentante, in un breve intervento, ha illustrato tutti i progetti creativi concepiti durante l'ultimo anno di attività che vedono insieme cultura ed energia: il programma di tutela "Energia Agevolata" per commercianti ed imprenditori in crisi, l'Energy Art, il marchio EnergiPASS e una nuova partnership commerciale che vede Powart distributore a Palermo di un nuovo modo di acquistare energia. 

Perché il mondo dell'energia deve proprio cambiare, tra grandi speculazioni, bollette incomprensibili e contratti telefonici, forse bisogna ripartire proprio dalla piccola impresa, quella fatta da persone.



--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 27 maggio 2017

Alla Mille Miglia 2017 partecipazione impeccabile della squadra corse UNUCI

La partecipazione dei dieci equipaggi della squadra corse dell'Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d'Italia è stata accolta trionfalmente da un bagno di folla curiosa ed appassionata in tutte le città attraversata dalla "più bella corsa del mondo" per come la definì Enzo Ferrari

Il 18 maggio 2017 la squadra corse U.N.U.C.I. (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d'Italia) si è presentata ai nastri di partenza di Brescia della Mille Miglia nel novantesimo anniversario della sua istituzione con 10 equipaggi agguerriti e preparati.
Il 21 maggio 2017 tutti e dieci gli equipaggi hanno tagliato il traguardo.

E' stata una corsa fantastica. In tutte le città attraversate gli spettatori hanno accolto calorosamente tutti gli equipaggi e nello specifico i 10 equipaggi U.N.U.C.I. che rievocano la presenza storica e diretta delle Forze Armate, da sempre legato alla velocità con i suoi reparti di eccellenza.

Si ricordano gli equipaggi che quest'anno hanno preso il via: Gen. Mario Righele e V.F. Renato Reggani su ALFA ROMEO 1900 AR 51 "MATTA" (1952), C.le Massimo Zanin e C.le Marco Friso su FIAT AR 51 CAMPAGNOLA (1952), Serg. Mariano Bellin e C.le Roberto Albertini su FIAT AR 51 CAMPAGNOLA (1952), Cap. Sergio Buraccini e C.le Cosimo Convertini su ALFA ROMEO 1900 AR 51 "MATTA" (1952), C.le Ermanno De Angelis e Sold. Antonio Avallone su FIAT 520 TORPEDO (1928), Sold. Angelo Zanutel e Magg. Domenico Colella su FIAT-NSU 508 C “NUOVA BALILLA” (1939), Gen. Giovanni Sperotto e Gen. Giovanni Piepoli MG TB (1938), C.M. Fabio Spatafora e Gen. Francesco Roselli su FIAT 1100 B (1948), C.le Sergio Franzoni e Gen. C.A. Giuseppe Maggi su MG A (1957), Ten. Fabio La Penna e Ten. Giorgio Onori su ALFA ROMEO GIULIETTA SPRINT (1957)

Si ringraziano gli "oscuri", i due team di assistenza specializzati in auto d'epoca e veicoli militari che dietro le quinte sono stati in grado di risolvere tutti i problemi di natura tecnica verificatisi come è normale con mezzi d'eccellenza con qualche annetto sulle spalle. Nello specifico Raffaele Izzo, Franco Albertella, Giancarlo Da Tos, Flavio Bressan e Moreno Bertin.

Si ringraziano gli sponsor che hanno supportato con la loro partecipazione pluriennale gli equipaggi:
JACAR, ADRENALINE 24H, AUTOMANIA, B&T Assicurazioni (ALLIANZ Roma Appio Latino), DIGITECH, FARE CANTINE, FRANZONI SERGIO TRASPORTI SRL, FREEM, GENOVESE UMBERTO SRL, GIOLITTI Ricambi, GORIZIANE GROUP, GRUPPO ARIO, IL TEMPIO DELLA FESTA di Ciampino-Roma, ISOLI SPA, LA BOUTIQUE DEL FIORE di Paolo Salvati Grottaferrata-Roma, MORATI, RM AUTOSPORT di Monte Carlo, SPECIAL DAYS di Ciampino-Roma.

Giro d’Onore è l'annuario delle gare e degli equipaggi militari patrocinato da U.N.U.C.I. Squadra Corse che troverete nelle migliori librerie e vi aggiornerà costantemente via internet
facebook.com/girodonore/

venerdì 26 maggio 2017

Gestione Rai: Direttore Generale Campo Dall’Orto, i conti promuovono la politica boccia

Sotto la guida dell’attuale Direttore Generale Antonio Campo Dall’Orto la Rai passa da una perdita netta di 25,6 milioni nel 2015 a un utile netto di 18,1 milioni, con una crescita da -12,2 a 64,3 milioni

Il braccio di ferro sul futuro di Antonio Campo Dall’Orto, amministratore delegato della Rai sfiduciato dal consiglio d’amministrazione, è il paradosso perfetto della cosa pubblica. “I conti sono a posto, ma il problema è nella legge” osserva Carlo Freccero consigliere indipendente in quota 5 Stelle che poi aggiunge: “La riforma della Rai era stata pensata perché l’azienda potesse mettersi sul mercato e così si è deciso di dare pieni poteri al direttore generale svuotando di fatto il cda, se però sulle decisioni del dg interviene Cantone (presidente dell’authority anticorruzione, ndr) dicendo che vanno rispettate certe regole di fatto si contraddice la questione del mercato. Perché le aziende private sono libere di comportarsi come vogliono”.
Insomma a mettere le briglie all’ex numero due dell’americana Viacom è stata proprio la politica: da un lato si spiegava l’importanza di un manager indipendente, dall’altro si cercava di capire come impedire che la sua libertà uscisse dagli schemi predefiniti di Viale Mazzini. A dimostrazione che la Rai è ancora oggi un limite invalicabile. “Far cadere l’ad sul piano dell’informazione è semplicemente incomprensibile. Si poteva discutere sui nomi, ma non sulla necessità di razionalizzare l’offerta della Rai” spiega Francesco Siliato analista del settore media e partner dello Studio Frasi secondo cui nessuno tra “gli editori incumbent ha avuto le performance della Rai sotto la guida di Campo Dall’Orto”. I numeri lasciano poco spazio alle interpretazioni: la Rai è passata da una perdita netta di 25,6 milioni nel 2015 a un utile netto di 18,1 milioni; il risultato operativo è cresciuto da -12,2 milioni a 64,3 milioni. Insomma il manager che aveva lasciato Telecom Italia Media con un buco milionario, in Viale Mazzini ha dimostrato anche di saper far quadrare i conti senza – tuttavia – penalizzare l’offerta. Certo lo hanno aiutato anche i 200 milioni di euro in più arrivati dal canone in bolletta, ma il sentiero è tracciato.
Sul fronte degli ascolti la Rai ha guadagnato ancora nei confronti di Mediaset confermandosi il principale editore televisivo italiano, inoltre gli addetti ai lavori riconoscono a Campo Dall’Orto anche la capacità di aver attratto un pubblico, quello nella fascia tra i 15 e i 19 anni, che la televisione la guardano solo per sbaglio: nel primo quadrimestre del 2017 i giovani che hanno guardato i canali generalisti – secondo le rilevazioni dello Studio Frasi – sono cresciuti del 9,3%, quelli dei canali nativi digitali dell’11,9% e nel complesso dell’offerta Rai del 9,8%. “Lo ripeto – dice Siliato – se Campo Dall’Orto cade è per motivi incomprensibili, almeno sotto il profilo prettamente industriale. Creare una newsroom, aumentare la multimedialità dei giornalisti sono cose che fanno tutte le televisioni normali”. Il problema è quindi più che altro politico perché nessuno vuole davvero mettere mano all’informazione della Rai con il rischio di toccare i fragili equilibri in gioco. Soprattutto a pochi mesi dalle elezioni.
Lo stesso Matteo Renzi che prima ha portato in carrozza il manager veneto al vertice di Viale Mazzini e poi lo ha scaricato si è in questi giorni defilato. Un atteggiamento d’attesa esplicitato dal silenzio del consigliere Michele Anzaldi: dopo aver attaccato Campo Dall’Orto ogni giorno, per ogni cosa il futuro responsabile comunicazione del Pd ha improvvisamente scelto la strada del silenzio. Come a non voler lasciare impronte.
A lavorare sapientemente i fianchi l’amministratore delegato è stata piuttosto la presidente Monica Maggioni che a differenza di Campo Dall’Orto non è certo estranea alle dinamiche Rai. Il manager, invece, si è fatto consumare prima dalle polemiche sugli stipendi, poi dal piano sull’informazione che prevedeva Milena Gabanelli alla guida del sito internet di Rai News: una minaccia troppo grande per il delicato equilibrio tra il Pd e quel che resta di Forza Italia. D’altra parte andando al voto con un sistema proporzionale l’unico governo possibile potrebbe uscire dall’ennesima intesa tra Renzi e Berlusconi. Meglio quindi non disturbare i manovratori. “Campo Dall’Orto in Rai è come lo Straniero di Camus” chiosa Freccero secondo cui il manager non è certo senza colpe, ma sta pagando anche per responsabilità di altri come sul tema del tetto agli stipendi degli artisti: “La definizione di artista è impossibile perché bisogna tenere in considerazione quelle che sono le esigenze del mercato e degli inserzionisti. Io ho proposto di definire artistici i programmi che sono in grado di autofinanziarsi, ma per il momento è tutto fermo. Senza un accordo sul tetto agli stipendi si danneggia la Rai”. Il rischio è quello di uno stallo lungo un anno fino alla scadenza del mandato di Antonio Campo Dall’Orto: un ribaltone oggi a pochi mesi dalle elezioni sarebbe come detto pericoloso e il sentiero verso nuove nomine stretto. Quanto meno al Senato dove la maggioranza è appesa a un filo. E una Rai nell’impasse, impegnata a cancellare quanto di buono avviato nell’ultimo biennio, rischia solo di favorire la concorrenza. A cominciare da Mediaset.

Direttore Generale Campo Dall’Orto Rai: il suicidio degli elefanti

Il CdA Rai ha bocciato il piano news proposto dal Direttore Generale Campo Dall’Orto. Fiducia incrinata e probabile azzeramento dei vertici.
Raccontano osservatori dei residui branchi di elefanti che in occasione di imminenti catastrofi ambientali, i pachidermi generalmente si suicidano, con una ritualità precisa che vede gli anziani, sollecitati dalle femmine, assicurarsi che i più giovani seguano il destino deciso, per poi seguirli nell’atto estremo. Non sempre le elefantesse arrivano a darsi la morte.
Con un atavico ritorno alla natura il consiglio di amministrazione della Rai sembra aver messo in scena una macabra rappresentazione del suicidio degli elefanti.
I più anziani, che non mancano in consiglio, sollecitati dalla presidentessa, hanno spinto i più giovani sul ciglio del burrone, spingendo prima di tutti giù il direttore generale Campo dall’Orto. Una scena davvero indecorosa oltre che paradossale. Dopo mesi di retorica sulle nuove linee di comando che avrebbero assicurato al vertice di Viale Mazzini poteri e procedure per guidare il rinnovamento senza dover pagare i tradizionali pedaggi ai casellanti del CdA, ora si assiste allo spettacolo che il più accreditato, internazionalmente, manager del sistema televisivo italiano, viene umiliato e paralizzato da un’allegra combriccola di pensionati e mestieranti inviati in consiglio  da singole lobbies politiche per curare i loro affari. Con una presidentessa che non fa mistero di voler sostituire il suo direttore generale con se stessa.
Ora la Rai si trova ad avere il poco invidiabile primato di essere l’unica azienda televisiva europea senza una bussola nel pieno della transizione al digitale, mentre avanzano le offerte multimediali dei competitor privati e mentre anche i possibili partner, come Telecom ed Enel, si stanno mettendo in proprio.
In tutto questo appare singolare il silenzio sostanziale dei giornalisti, visto che il pomo della discordia è proprio il piano di riorganizzazione delle news. L’Usigrai, il mitico sindacato dei giornalisti RAI, dopo aver seguito distrattamente, non senza qualche compiacimento, le prime baruffe in consiglio, che costarono il posto al responsabile del progetto di riorganizzazione dell’informazione Carlo Verdelli, oggi grida al Tutti a casaMa tutti chi?
Qui il rischio è che dopo decenni di riforma vagheggiata dell’azienda, e mai realizzata per il continuo bradisismo di veti e sommosse interne, neanche ci si accanisca più sulla Rai, ma, come per l’Alitalia, si arrivi alla conclusione che il carrozzone sia irriformabile.
Il nodo vero riguarda proprio un presidio nazionale, una TV nazione, nel momento in cui la transizione al digitale rende strategici linguaggi ed infrastrutture e soprattutto fondamentale per un paese il controllo di quelle forme di intelligenza artificiale che guidano la viralità dell’informazione. Cosa accadrà se la RAI si afflosciasse? L’Italia potrebbe essere il primo grande paese europeo a non avere più un soggetto proprio, autonomo e sovrano, nel processo di organizzazione dei linguaggi con cui parlare al mondo.
Ma la questione presenta anche un versante politico: il nuovo vertice Rai è stato voluto dall’allora premier e segretario del PD Renzi, voluto ed usato per liberarsi di qualche imbarazzo (Ballarò e TG3). Ora può una leadership politica che si caratterizza per l’innovazione e la discontinuità tornare a centellinare le vecchie lottizzazioni in una Rai che affonda?
Ci si gioca molto della propria reputazione, così come il Paese si sta giocando molto della sua possibilità di mantenersi competitivo nella nuova economia della comunicazione. Mentre gli elefanti barriscono sul ciglio del burrone.

giovedì 25 maggio 2017

Per la nona volta consecutiva Genesys si Posiziona come Leader nel Magic Quadrant per le Infrastrutture di Contact Center a livello mondiale



Per la nona volta consecutiva Genesys si Posiziona come Leader nel Magic Quadrant per le Infrastrutture di Contact Center a livello mondiale

Miglior posizionamento sia per completezza di visione sia per capacità di esecuzione

Genesys® leader mondiale nella customer experience omnicanale e nelle soluzioni contact center è stata riconosciuta come Leader a livello mondiale nell'edizione 2017 del Magic Quadrant per le Infrastrutture di Contact Center1.  Per la nona volta consecutiva l'azienda si colloca nel punto più avanzato dell'asse della "completezza di visione", e per la prima volta conquista anche la posizione più alta per la "capacità di esecuzione".

L'edizione 2017 del Magic Quadrant per le Infrastrutture di Contact Center ha valutato 12 fornitori di infrastrutture di contact center a livello mondiale in base alla completezza di visione e alla capacità di esecuzione. Gartner ha posizionato le aziende in uno dei quattro quadranti: Visionari, Player di nicchia, Sfidanti e Leader. Secondo Gartner, i Leader sono quelle realtà che riescono a operare con successo rispettando la visione aziendale e hanno buone prospettive di crescita futura. 

"Il nostro nono titolo consecutivo come Leader a livello mondiale nel Magic Quadrant per le Infrastrutture di Contact Center è dovuto a un'efficace strategia a lungo termine, al continuo impegno sul mercato, all'attenzione che dedichiamo a ogni nostro cliente e agli investimenti nella nostra Customer Experience Platform," dichiara Merijn te Booij, Responsabile Marketing di Genesys. "Quest'anno siamo stati riconosciuti leader della classifica su entrambi gli assi, grazie alla nostra capacità di creare un vero engagement omnicanale che comprende anche il customer journey management e il context sharing tra marketing, vendite e servizi."

Scopri di più sulle soluzioni omnicanale di Genesys 

  • SCARICA una copia gratuita del Magic Quadrant per Infrastrutture di Contact Center del 2017. 
  • ISCRIVITI al CX17, l'evento Genesys dedicato alla customer experience negli Stati Uniti e in Europa, il 22-25 maggio a Indianapolis e il 7-9 giugno a Bruxelles. Il CX17 sarà dedicato all'importanza del "tocco umano" in un mondo che diventa sempre più digitale. I partecipanti potranno anche scoprire le ultime novità su cloud, chat bot, intelligenza artificiale (AI), Internet delle Cose (IoT), customer journey management, iper-personalizzazione, analisi predittive, realtà virtuale e non solo. Segui il CX17 sui social media con gli hashtag #CX17INDY e #CX17BRUSSELS.

1 Gartner, "Magic Quadrant Mondiale per le Infrastrutture di Contact Center Infrastructure" di Drew Kraus, Steve Blood. 16 maggio 2017.

 

Informazioni sul Magic Quadrant
Gartner non sostiene alcun vendor, prodotto o servizio citato nelle ricerche. Inoltre non consiglia agli utilizzatori di tecnologia di selezionare solo i vendor con le valutazioni più elevate o altre denominazioni. Le pubblicazioni di Gartner sono costituite da opinioni della sua organizzazione di ricerca e non devono essere interpretate come affermazioni di fatto. Gartner non fornisce alcuna garanzia, espressa o implicita, relativamente a questa ricerca, incluse quelle di commerciabilità o idoneità per uno scopo particolare.

Informazioni su Genesys
Ogni anno Genesys® abilita con successo oltre 25 miliardi delle migliori Customer Experience al mondo connettendo quotidianamente le conversazioni tra dipendente e cliente su ogni canale. Oltre 10.000 aziende in più di 100 Paesi hanno scelto la piattaforma di Customer Experience numero uno per produrre ottimi risultati e fidelizzare i propri clienti. Combinando la migliore tecnologia con l'ingegno umano abbiamo concepito soluzioni che rispecchiano la comunicazione naturale e soddisfano le aspettative. Le nostre soluzioni leader di mercato favoriscono un vero engagement omnicanale funzionando perfettamente su ogni canale, on premise e in cloud. Vivi la comunicazione così come dovrebbe essere: fluida, spontanea e profondamente abilitante. Visita genesys.com/it su Twitter, Facebook, YouTube, LinkedIn e il blog Genesys.


Villa Mezzabarba aperta - A Borgarello la villa del 700 sarà teatro questo week di esposizioni, mostre, laboratori e concerti

Sabato 27 e domenica 28 maggio dalle ore 10 alle 18 in occasione dell'apertura ai visitatori della settecentesca Villa Mezzabarba di Borgarello, grazie al progetto Da Fattori ad Attori finanziato da Fondazione Cariplo.

Il progetto complessivo - che prevede il recupero ad uso pubblico della Villa - di particolare interesse storico artistico composta da una costruzione del primo '700 con un parco annesso- non interpreta “Villa Mezzabarba” come un contenitore di fruizione passiva di eventi e iniziative, quanto come un motore e un driver di sviluppo grazie al coinvolgimento del tessuto creativo e produttivo giovanile, i professionisti residenti e le reti esterne.

Sarà possibile visitare, nel corso di entrambe le giornate, una mostra d'arte multidisciplinare degli studenti dell'Istituto A. Volta di Pavia ( Liceo Artistico A.Volta Istituto Per Geometri Alessandro Volta Pavia ), avente per tema il Settecento e la stessa "Villa Mezzabarba", realizzata nell'ambito dell'alternanza scuola/lavoro del MIUR.


Alle 14.30 la Compagnia teatrale Smaramaldi presenterà un laboratorio-spettacolo per bambini dal titolo "Il mostro peloso"; la giornata proseguirà con un concerto di musica barocca italiana e tedesca proposto dall'Istituto Superiore di Studi Musicali F. Vittadini ISSM Franco Vittadini .

Gli studenti dell'Istituto APOLF Pavia , garantiranno il servizio di catering ai visitatori.

Visite guidate, mostra di fotografie d'epoca (tra le altre, foto inedite dello stabilimento Galbani).


Domenica la manifestazione proporrà "Pedalando nella Storia", una gita in bicicletta, con guida narrante, nei luoghi più suggestivi del territorio circostante Villa Mezzabarba con tappa alla Certosa di Pavia e alla storica Cascina Colombina (Borgarello).

Per info e prenotazioni: 328 8007597
http://www.villaincomune.it
EVENTO  https://www.facebook.com/events/1841310432862417/
PROGETTO https://www.facebook.com/daFattoriadAttori/

PUNTA LICOSA IN "OSTAGGIO" DEI CINGHIALI . DANNI A MURI SECOLARI

CASTELLABATE  - Questa mattina il risveglio in quel di Punta Licosa è  stato diverso dal solito. I cinghiali che su tutto il territorio di Castellabate sono oramai quasi più dei residenti ( concedetemi la battuta )  hanno lasciato il loro segno su secolari muri di pietre Cilentana che costeggiano il sentiero che da vallone alto dal porto di San Marco porta a quello di Licosa appunto.  Le basi sono state scavate e pesanti massi sono rotolati sul sentiero che viene percorso da residenti e turisti. Purtroppo  la scena  è  quasi quotidiana infatti in altre occasioni essi scavano sotto le reti poste a recinto di uliveti vitigni e altre colture che i  zona sono prodotte e richiestissimo.
L'esasperazione è  alle stelle e i residenti sono esausti . Il parco non tutela le persone e le attività  e i danni iniziano ad essere ingenti.

Marco Nicoletti
Diritti Riservati

Aziende agricole italiane, aumenta il business in rosa


Le donne si stanno sempre più impossessando del tessuto lavorativo anche nei lavori tradizionalmente feudo degli uomini, come le aziende agricole, portando una ventata di freschezza e acquistando sempre maggiore rilievo nel quadro complessivo del mondo del lavoro.

Bere acqua per perdere peso e riattivare il metabolismo


Diete quasi fai da te, tutti ci provano prima o poi, con risultati non sempre ottimali anche da punto di vista della salute.
Quasi nessuno pensa che bere acqua sia già un sistema per contenere il peso corporeo, infatti, l’idratazione è importante sia per perdere peso sia per mantenere un livello di performance fisiche e psichiche ottimali.

Cosa sono i server virtuali e perché salveranno le aziende italiane


Ecco dunque che sta arrivando a grandi passi l’industria 4.0 con predominanza della virtualizzazione e della digitalizzazione e, in questa onda, il web è sempre più decisivo per il lavoro delle imprese.
Purtroppo in Italia siamo ancora indietro: spesso c’è confusione sui mezzi disponibili e per questo è il caso di iniziare ad approfondire il tema di server virtuale, capendo cosa siano questi strumenti, come funzionino e perché siano meglio dei server dedicati.

Il laboratorio galenico nella storia, dalla nascita alla modernità


La definizione di “ preparato galenico ” deriva da Galeno, nome di un medico dell’antica Greca che iniziò e diffuse la pratica di comporre i propri rimedi miscelando sostanze di base.

Le documentazioni esistenti portano fino al diciannovesimo secolo e ai primi decenni del ventesimo, mostrando che la maggior parte dei medicinali venduti in farmacia erano composti direttamente all’interno della farmacia stessa, tramite laboratori galenici, dando così alla professione del farmacista la figura di preparatore più che dispensatore di farmaci.

Trend in crescita per le installazioni di serramenti in PVC


Annualmente sono svolte varie indagini riguardo all’andamento di mercato dei prodotti e materiali costruttivi dei serramenti, una tra le più importanti è quella fatta dal PVC Forum Italia, che è rappresentativa dei maggiori fornitori di finestre e profili in materiale plastico.

Iter per la certificazione del sistema di gestione integrato


Certificazione del sistema di gestione integrato (SGI): sempre più organizzazioni hanno un approccio integrato ai sistemi di gestione volontari, cioè affrontano in modo organico le logiche comuni delle normative relative a differenti rischi organizzativi (qualità, ambiente, sicurezza luoghi di lavoro, sicurezza dati, sicurezza stradale, corruzione etc...).

mercoledì 24 maggio 2017

La Customer Experience Platform di Genesys guarda al futuro con G-NINE

La Customer Experience Platform di Genesys guarda al futuro con G-NINE

Genesys annuncia una nuova rivoluzione CX in grado di garantire un'eccezionale customer experience grazie a intelligenza artificiale, smart app e tocco umano proattivo

Genesys® (www.genesys.com), azienda specializzata nel settore della customer experience omnicanale (CX) e delle soluzioni per contact center, ha presentato G-NINE™ durante il CX17 Indy (#CX17INDY), il suo più importante evento  dedicato alla customer experience per il nord America che si tiene dal 22 al 25 maggio a Indianapolis. G-NINE sta guidando l'evoluzione della piattaforma omnicanale leader nel settore e consentirà ad aziende di ogni dimensione di garantire al cliente la miglior customer experience possibile. 

"G-NINE è la struttura innovativa che guida tutta l'offerta di Genesys e consente alle organizzazioni di prosperare nella rivoluzione della CX digitale," ha dichiarato Merijn te Booij, Responsabile Marketing di Genesys.  "G-NINE va incontro a ogni cliente che desidera un servizio semplice, efficace e personalizzato e soddisfa tutte le organizzazioni che devono stare al passo con i cambiamenti nei comportamenti e nelle aspettative dei consumatori – per non parlare della velocità e dei costi dell'innovazione tecnologica." 

La Customer Experience Platform di Genesys consente di seguire il customer journey management grazie alle sue funzionalità innovative e ai servizi completi, progettati sfruttando un grande potere di elaborazione, la finezza del tocco umano e una serie di capacità integrate per aiutare le aziende a rendere "più smart" le loro attività.

Secondo i dati di Forrester, due quinti degli utenti digitali adulti americani preferiscono utilizzare un servizio clienti online piuttosto che telefonare a un operatore dal vivo.1 L'orchestrazione predittiva in tempo reale del customer journey tra marketing, vendite e servizi è la nuova frontiera del settore: l'obiettivo è sfruttare una customer experience differenziata come vantaggio competitivo.

Di seguito alcune tra le innovazioni incluse in G-NINE:

  • Smart App Automation: Genesys è la prima e unica azienda a fornire una piattaforma automatizzata con oltre 80 micro-applicazioni predefinite per self service vocale e digitale, per una maggiore efficienza operativa e una migliore customer experience. 
  • Messaggistica Asincrona: attraverso Genesys Hub, aumenta le potenzialità di supporto dei contact center nella gestione di conversazioni con messaggistica asincrona sui canali più diffusi come Facebook Messenger, Slack, Skype e WeChat.
  • Engagement di nuova generazione: estende la customer experience oltre i tradizionali canali di comunicazione (voce, email, chat, social, ecc.) verso l'Internet delle Cose (IoT), in modo da stabilire in tempo reale le strategie migliori sulla base del contesto, della disponibilità di risorse, del profilo del cliente e delle caratteristiche del settore.  
  • Bring-Your-Own-Bot: distanziandosi dalla concorrenza, Genesys consente alle aziende di integrare i loro bot, come quelli forniti da IBM Watson, nella sua customer experience Platform. I diversi bot si integrano senza problemi con l'intelligenza artificiale nativa di Genesys e con i sistemi di machine learning per ottenere una più profonda comprensione delle interazioni dei clienti sui diversi canali. 
  • Ecco Kate: Genesys presenta un'applicazione AI specifica per il servizio clienti. "Kate" è l'ecosistema AI personalizzato di Genesys, progettato per garantire la migliore customer experience. Kate è dotata di micro applicazioni, comprende il linguaggio naturale e racchiude tutte le potenzialità della Blended AI: utilizza Salesforce Einstein per il CRM e IBM Watson per l'analisi di big data, unendo l'automazione allo "human touch" per un risultato ancora più efficace. 

"Siamo entusiasti all'idea di ampliare il nostro contact center Genesys lavorando a stretto contatto con l'azienda sui nostri bot e sistemi AI," afferma Terry Gardiner, vicepresidente Customer Experience Enablement di TELUS, l'azienda nazionale di telecomunicazioni che sta crescendo più rapidamente in Canada. "La nostra sfida è declinare una customer experience elegante e coerente su ogni app e device. Grazie a Genesys, le nuove app di messaggistica si connettono in modo uniforme."

Una sola visione di CX per tre offerte complementari

La Customer Experience Platform di Genesys comprende tre proposte complementari in grado fornire una straordinaria customer experience per organizzazioni di ogni dimensione, sia che preferiscano soluzioni cloud oppure on-premise.
  • PureEngage™ è l'unica vera suite di customer engagement omnicanale dedicata a grandi aziende , in grado di garantire esperienze di nuova generazione n termini di competitività e una trasformazione digitale su qualsiasi scala.
  • PureConnect™ è una proposta di engagement multicanale di provata efficacia. È corredata da servizi completi per organizzazioni medio-grandi ed è disponibile in versione cloud e on-premise.
  • PureCloud by Genesys™ è una soluzione unificata all-in-one per l'engagement di clienti e dipendenti, semplice da usare e di veloce installazione, pensata per consentire una rapida innovazione.

"La nostra tecnologia è progettata con lo scopo di facilitare le comunicazioni tra aziende e consumatori, favorendo un'impostazione di business più smart. Non esistono altre soluzioni in grado di offrire la stessa profondità e ricchezza di G-NINE, né di vantare una simile storia di successo," spiega te Booij di Genesys. "In poche parole, si tratta della più potente soluzione di customer experience disponibile sul mercato."

Scopri di più sulle soluzioni omnicanale di Genesys 

  • SCARICA una copia gratuita del Magic Quadrant for Contact Center Infrastructure 2017. Per la nona volta consecutiva Genesys si colloca nel quadrante Leader nel punto più avanzato dell'asse della completezza di visione, e per la prima volta conquista anche la posizione più alta per la capacità di esecuzione.
  • ISCRIVITI al CX17 Brussels che si terrà il 7-9 giugno (#CX17BRUSSELS), dedicato all'importanza del "tocco umano" in un mondo che diventa sempre più digitale.

1Fonte: Customer Service Trends 2017: Le operazioni diventano più smart e strategiche, Forrester Research, Inc., 27 gennaio 2017

Informazioni sul Magic Quadrant
Gartner non sostiene alcun vendor, prodotto o servizio citato nelle ricerche. Inoltre non consiglia agli utilizzatori di tecnologia di selezionare solo i vendor con le valutazioni più elevate o altre denominazioni. Le pubblicazioni di Gartner sono costituite da opinioni della sua organizzazione di ricerca e non devono essere interpretate come affermazioni di fatto. Gartner non fornisce alcuna garanzia, espressa o implicita, relativamente a questa ricerca, incluse quelle di commerciabilità o idoneità per uno scopo particolare.

Informazioni su Genesys
Genesys® supporta ogni anno oltre 25 miliardi delle migliori customer experience al mondo. Mettiamo il cliente al centro di tutta la nostra attività e rimaniamo profondamente convinti che un evoluto engagement del cliente ci conduca verso migliori risultati di business. Oltre 10.000 organizzazioni in più di 100 paesi si affidano alla piattaforma di customer experience numero uno del settore che orchestra customer journey omnicanale e costruisce relazioni durature. Grazie a una forte propensione all'innovazione e al desiderio continuo di migliorarsi, Genesys è l'unica azienda riconosciuta dai maggiori analisti di settore come leader nelle soluzioni di customer engagement sia cloud che on-premise.
Visita www.genesys.com/it.

Seguici su Twitter, Facebook, YouTube, LinkedIn e sul nostro blog di Genesys.

Spille personalizzate: come usarle in ambito aziendale

Le spille personalizzate sono un elemento di abbellimento estetico ma anche una risorsa di pubblicità. Ecco come sfruttarla in ambiti aziendale.

Sapevi che l’utilizzo di spille personalizzate a scopo pubblicitario è una pratica diffusa ed efficace? Ebbene sì, nell’ambito della Pubblicità Tramite oggetto, le spille sono uno degli accessori più apprezzati e utilizzati per dare visibilità e rendere più accattivante un brand.

Praticità e stile


La spilla si indossa sugli abiti o può essere inserita su borse, tracolle e persino scarpe o cinture. Un oggetto pratico da indossare e stiloso nel design, perfetto per consolidare il legame con clienti e fornitori e trasformali in brand ambassador.

Per riuscire nello scopo, però, essa deve essere accattivante, di buon gusto e invitare chi la riceve a indossarla con piacere.

Puntare su leve motivazionali


Perché la gente si dimostri disposta ad indossare la vostra spilla aziendale, essa non deve limitarsi ad apparire come un oggetto di pubblicità. Ad esempio, si può puntare su una frase spiritosa o su un’immagine d’impatto o, ancora, su un messaggio profondo e condivisibile, altrimenti rischia seriamente di finire in un cassetto a riempirsi di polvere.

La distribuzione


Importantissimo è anche scegliere nel modo più opportuno le modalità di distribuzione. Pensate di donare la spilla ai vostri clienti che entreranno in negozio? O magari di inviarla via posta a ognuno di essi? Oppure puntate su una distribuzione di massa presso grandi eventi e luoghi di aggregazione? L’importante è avere ben chiari l’obiettivo della vostra campagna di Pubblicità Tramite Oggetto e il target a cui avete deciso di rivolgervi. Ad esempio, comunicare con i propri clienti acquisiti o con un pubblico di potenziali nuovi acquirenti sono due attività differenti, due obiettivi differenti e richiedono approcci mirati.

Una leva di aggregazione interna



La spilla si rifà a una visione propria dei gruppi di militanza, siano essi aggregazioni politiche, militari, sportive, ecc. La spilla si lega all’idea dell’inclusione in un gruppo comune ed è questo l’aspetto che più motiva le aziende a utilizzarla come leva di marketing. Intorno a un’icona comune si rafforza il gruppo, si rinsalda la percezione di appartenenza a un medesimo collettivo legato da visioni comune. Una caratteristica che può essere utilizzata anche internamente all’azienda, per aumentare il senso di appartenenza degli impiegati e farlo sentire parte integranti di una realtà che non è solo commerciale.

martedì 23 maggio 2017

Storie di donne in scena al Teatro Petrolini


Nell’ambito della rassegna “Corto Circuito Teatrale” organizzata dal Consorzio Teatro Amatoriale Con.Te.A.  al Teatro Petrolini di Roma in via Rubattino, 5 andrà in scena sabato 27 maggio 2017 alle ore 21 “Storie di donne” di Carlangelo Scillamà Chiarandà diretto da Carlo Cianfarini. In scena Barbara Patarini, Simone Balletti, Chiara Pavoni, Luisanna Arias. Trucco e costumi di Roberta Budicin.

Rivolgiti a Puntoglass per la riparazione o la sostituzione del tuo parabrezza, gratis con polizza cristalli

 Puntoglass può vantare un servizio impeccabile e di massima precisione nella sostituzione e riparazione di cristalli per auto. Con sede a Gallarate, l’azienda si occupa inoltre di pratiche di stesura e apertura dei sinistri.

Non viaggiare con il parabrezza scheggiato: quello che sembra un piccolo inconveniente può causare incidenti limitando la visibilità del guidatore.
Puntoglass da oltre 20 anni si prende cura di te e della tua auto effettuando riparazione e
sostituzione di parabrezza danneggiati con precisione e rapidità.
riparazione parabrezza

Riparazione dei cristalli di auto, furgoni o mezzi industriali? Scopri i vantaggi di Puntoglass

Per la riparazione e la sostituzione dei cristalli della tua auto o mezzo di lavoro scopri tutti i vantaggi che ti offre Puntoglass.
Le attrezzature utilizzate dal team di specialisti di Puntoglass sono innovative e ti garantiscono un risultato di qualità, anche grazie ai materiali e ai ricambi impiegati, come collanti e cristalli, gli stessi usati dalle case automobilistiche in fase di assemblaggio dei veicoli.
La riparazione viene effettuata in mezz'ora, mentre la sostituzione necessita di un tempo un po' più prolungato in quanto in collante deve aver aderito perfettamente alla superficie del veicolo prima della messa in moto.
L'azienda è inoltre in grado di seguire con professionalità e discrezione pratiche di stesura e apertura dei sinistri per offrirti un valido supporto a proposito di questo tema che spesso richiede molto tempo per la risoluzione.

Riparazione e sostituzione del parabrezza gratuita? Scopri come fare, con Puntoglass

Puntoglass è convenzionata con le maggiori compagnie assicurative per offrirti un vantaggio in più: la sostituzione o la riparazione del tuo parabrezza in modo del tutto gratuito.
Se hai sottoscritto la polizza cristalli ti basterà comunicare il nome della tua assicurazione convenzionata a Puntoglass per beneficiare di questa incredibile possibilità.
E se la tua compagnia non è tra quelle convenzionate con l'azienda potrai comunque usufruire della cessione del credito, in questo modo Puntoglass incasserà l'importo dal tuo gruppo assicurativo e non dovrai anticipare neanche un centesimo.
Con Puntoglass la tua auto tornerà ad essere come nuova! Visita il sito www.puntoglass.it, richiedi un preventivo o fissa un appuntamento.

I nuovi mini-PLC Barth, disponibili da RS Components, offrono potenti funzionalità in un package ottimale

I nuovi mini-PLC Barth, disponibili da RS Components, offrono potenti funzionalità in un package ottimale

I nuovi PLC, il programmatore e il display potenziano l'offerta di prodotti Barth

RS Components (RS), distributore globale di prodotti di elettronica e manutenzione, ha ampliato la sua offerta di mini-PLC di Barth Elektronik, innovativo produttore di dispositivi di controllo. Tra le novità che RS distribuisce in esclusiva a livello internazionale figurano tre mini-PLC, un programmatore di parametri e un display touchscreen.

I tre nuovi mini-PLC sono dotati di un processore ARM® Cortex® a 32 bit che garantisce un cambiamento radicale in termini di prestazioni. I dispositivi vengono programmati mediante l'apprezzato software miCon-L, mentre per la programmazione in modalità open-source è necessaria la suite software KEIL® µVision. Tutti i PLC sono dotati di 10 I/O e un'interfaccia CAN per la comunicazione con dispositivi esterni.

L'STG-800 offre tre ingressi analogici da 0 a 30 Vc.c. con ADC a 12 bit, un contatore di eventi con ingresso da 25 kHz, un contatore di impulsi e frequenza con ingresso da 40 µs, quattro uscite di potenza a stato solido (fino a 1,5 A) e un'uscita di potenza PWM a 16 bit da 1 Hz a 25 kHz. Il modello STG-810 è anche dotato di una porta (a infrarossi) IrDA per la comunicazione con il nuovo programmatore di parametri PG-65. Infine l'STG-820 presenta le stesse caratteristiche del modello STG-810, ma è dotato di un'uscita analogica al posto della PWM.

Questi mini-PLC offrono la programmazione di microcontrollori orientata con hardware, con un consumo di corrente minimo e un fattore di forma ridotto, e sono la soluzione ideale per diverse applicazioni, tra cui automazione industriale e degli edifici, tecnologia automotive e navale, formazione tecnica/universitaria ed elettrodomestici. I tre PLC sono dotati di connettori, della suite software miCon-L, template open-source, manuali e programmi campione, tutti scaricabili dal sito.

Il nuovo programmatore di parametri PG-65 è collegabile ai PLC mediante CANbus o IrDA e può essere utilizzato per attivare o disattivare i programmi o caricare nuovi parametri per regolare facilmente le impostazioni di I/O senza ricorrere a un computer. Il robusto display touchscreen a colori da 2,4", 240 x 320 pixel, il contenitore in alluminio pressofuso e il menu grafico intuitivo rendono questo dispositivo la soluzione ideale per l'utilizzo sul campo. Il DMA-20 offre le stesse funzionalità del programmatore PG-65, ma è dotato di un display touchscreen con grado di protezione IP65, resistente agli spruzzi.

Spesso molti dispositivi di controllo industriali sono troppo specifici, il che comporta un aumento dei costi, curve di apprendimento più ripide e un'eccessiva complessità. La gamma di mini-PLC a marchio Barth, invece, è la soluzione ideale per tutta una serie di piccole applicazioni che non richiedono l'uso di PLC troppo potenti. Questi e altri prodotti della serie Barth sono disponibili esclusivamente sul sito RS.


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI